Home        Chi siamo        Dove siamo      Contatti     
   Documentazione      News      La cassetta degli attrezzi      Intranet CISL Nazionale      Link      Area riservata     

STRUTTURE CISL

Fai Cisl Nazionale
logoCisl.jpg
logo_Inas.jpg
logofai.gif

logo-Conquiste-Lavoro-Web.jpg
card2011.png
CASSA INTEGRAZIONE - DISOCCUPAZIONE - DISOCCUPAZIONE AGRICOLA - MOBILITA' - CONTRATTI SOLIDARIETA'  -  AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA
 

Ammortizzatori sociali

Cosa sono.. quando se ne può usufruire..

Per ammortizzatori sociali si intende un complesso ed articolato sistema di tutela  del reddito dei lavoratori che sono in procinto di perdere o hanno perso il posto di lavoro. Questo sistema è definito da specifiche norme di legge. Tra i principali troviamo  la cassa integrazione guadagni (CIGS e CIGO), i contratti di solidarietà, l’indennità di disoccupazione e l’indennità di mobilità.

Queste misure si differenziano a seconda che il disagio del lavoratore sia conseguenza di una difficoltà aziendale congiunturale, strutturale o strutturale irreversibile.

Se la difficoltà aziendale è congiunturale: Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (C.I.G.O.).
Se la difficoltà aziendale è strutturale: Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (C.I.G.S.).
Se la difficoltà aziendale è strutturale ed irreversibile: Mobilità.

Fondamentale differenza tra i due istituti è che nel caso di Cassa integrazione Guadagni, ordinaria o straordinaria, il lavoratore che riceve sostegno al reddito rimane in forza all’azienda e rientra ancora tra i soggetti occupati.
Nel caso, invece, della Mobilità il sostegno al reddito interviene in quanto il lavoratore è stato licenziato dall’azienda e quindi è uscito dal mondo del lavoro, rientrando tra i soggetti disoccupati.

Quando non sia possibile ricorrere né alla CIG né alla Mobilità, poiché la normativa vigente non lo consente, il nostro Ordinamento prevede, in casi di comprovata difficoltà occupazionale, di poter accedere comunque ai benefici di CIG e Mobilità, derogando eccezionalmente alla normativa vigente.
In questi casi si parla di Ammortizzatori sociali in deroga.
Il ricorso a questa possibilità è condizionato dalle risorse messe a disposizione di anno in anno dalla Legge Finanziaria.

Altro importante e noto ammortizzatore sociale è l’Indennità di disoccupazione che interviene non necessariamente in caso di difficoltà aziendale ma in generale nel caso in cui il lavoratore subordinato perda l’occupazione involontariamente.

Vi possono essere, infine, i contratti di solidarietà.

Gli istituti illustrati, è opportuno ricordarlo (si veda a tal proposito la disciplina dei singoli istituti), non sono applicabili all’universalità dei lavoratori ma solo a determinate categorie di lavoratori e solo a determinati settori produttivi.

Per i soggetti percettori di  ammortizzatori sociali, disoccupati o inoccupati beneficiari di forme di sostengo al reddito il Ministero del Lavoro mette in atto, in sinergia con le Regioni, progetti e programmi di incentivazione al reinserimento o inserimento lavorativo.